Composizione, ripartizione e frammentazione delle entità sociali

Organizzazione: Sébastien Plutniak

[Accesso alla versione francese dell’articolo.]

Clicca per il poster e gli abstract in formato pdf.

Questo incontro sarà dedicato alle questioni sollevate dai processi che insidiano l’unità delle entità sociali: cosa accade quando un partito politico si scinde, quando delle imprese si fondono, quando una comunità scientifica si specializza, o ancora quando una parte della popolazione di una nazione viene meno per diverse ragioni? Tali questioni sono, almeno in parte, di tipo concettuale: esse implicano in effetti una certa ontologia degli esseri sociali, una teoria della loro identità, della loro persistenza nel tempo e dei rapporti vicendevoli che li costituiscono. Per il sociologo o l’antropologo, tali questioni sono anche, anzi soprattutto, di tipo analitico: a partire dalle osservazioni empiriche realizzate sul terreno, che tipo di descrittori e metodi di analisi utilizzare per descrivere le entità sociali esaminate e le trasformazioni cui esse vanno incontro? Questo seminario si propone di far emergere la necessaria complementarietà fra le risposte fornite a tali questioni da parte della filosofia, dell’informatica e delle scienze sociali. [Trad.: B. D’Andrea.]

Relatori

  • Sophie Berlioz (Groupe d’études en Métaphysique, Collège de France):
    • «L’ontologia delle entità sociali: composizione, frammenti e unità» [riassunto].
  • Sébastien Plutniak (EFR):
    • «Frammentazione nelle scienze sociali: introduzione alla sua analisi concettuale ed empirica» [riassunto].
  • Roberta Ferrario (Laboratory for Applied Ontology, Trento):
    • «Ontologia fondazionale all’intersezione tra scienze umane e computazionali. L’esempio dell’ontologia delle organizzazioni» [riassunto].

Sophie Berlioz

«L’ontologia delle entità sociali : composizione, frammenti e unità»

L’idea di un’ontologia sociale comme disciplina accademica di ricerca emerge da diversi anni nei seminari di filosofia e di sociologia. In genere, l’ontologia sociale mira a determinare le proprietà fondamentali degli oggetti e dei gruppi sociali, delle entità composte che presentano un’unità apparentemente irriducibile alle loro proprietà fisiche.
Alcuni autori quali Searle, Tuomela, B. Smith, Nef e Livet condividono il tentativo d’individuare i fondamenti della realtà sociale e l’eterogeneità degli oggetti sociali (sia intenzionali che processuali): qual’é la natura degli oggetti sociali? Cosa rende possibile che un gruppo organizzato resista alla fluttuazione delle sue parti? Cio’ é legato ad un’intenzionalità ? Ad una struttura di cui la mereologia potrebbe rendere conto ? O ad entrambe?
L’obiettivo non é rispondere dettagliatamente a queste domande, bensi’ porle per capire in primo luogo il senso e le questioni che l’ontologia sociale desidera chiarire (natura degli oggetti sociali, paradossi della fluttuazione, della co-estensività e della localizzazione delle entità sociali). In secondo luogo si tratterà di riflettere, a partire dalla problematica della persistenza dei gruppi sociali, al contributo dell’ontologia per pensare l’unità di questa entità composta specificatamente sociale. [Trad.: A. Turiano.]

Bibliografia

Bibliografia supplementare

  • Fine, 2005. Modality and tense, Philosophical Papers, Oxford University Press.
  • Searle, 1995. La construction de la réalité sociale, Gallimard.
  • Simons, 1987. Parts. A study in Ontology, Oxford University Press.
  • Uzquiano, 2004. «The Supreme Court and the Supreme Court justices, a Metaphysical Puzzle», Nous, 38, (1), p. 135-153.

Sébastien Plutniak

«Frammentazione nelle scienze sociali: introduzione alla sua analisi concettuale ed empirica»

Bibliografia

Roberta Ferrario

«Ontologia fondazionale all’intersezione tra scienze umane e computazionali. L’esempio dell’ontologia delle organizzazioni»

La prima parte della presentazione sarà dedicata a un’esposizione introduttiva degli assunti teorici, della metodologia e delle applicazioni dell’ontologia fondazionale. La seconda parte avrà invece un focus più specifico, mostrando l’applicazione della metodologia alla modellazione dell’ambito sociale e in particolare delle organizzazioni. Verrà infine mostrato un esempio di analisi ontologica del problema della persistenza delle organizzazioni nel tempo e attraverso il cambiamento.

Bibliografia

D’après Moreno 1954, Who Shall Survive?